Volo Catania pe Roma. C’ho er Parkinson, pe davero, così pe nun stressamme prenoto l’assistenza : te raccattano co la carrozzina, ai controlli te sbrighi e imbarchi prima. Fino ad oggi era andato tutto liscio. Fino a oggi.
Il volo partiva alle 13.30. Alle 13.10 stavo ancora a fa la muffa parcheggiato in un angolo. Chiedo e me fanno :
“Tranquillo, il volo è in ritardo". Apposto, tranquillo ‘npar de palle.
Dopo du minuti arivano tre geni della CRI de corsa co n’artra carozzina e me fanno : ”Tranquillo, due minuti e siamo all'aereo !". Tranquillo è morto.
Arivamo al gate stile Fast & Furious, l’infermiera grossa come Vin Diesel coreva davanti tipo spazzaneve sbocciando a gente. I mortaccitua che se semo presi nun se contano.

Ar gate stavano ambarcà l’ultimi passeggeri tra cui n’artra signora in carrozzina che assomigliava alla Sora Lella.
Scennemo er corridoio, arivamo alla porta e na tipa dell'aeroporto ce strappa de mano i bagagli a mano, noi de stucco, se la guardamo e ce fa :”Questi li imbarchiamo perché non c'è più posto, sono le regole.". A Sora Lella je sbrocca de brutto, nella borsa c’ha e cose che je servono e io pure.
Sta lobotomizzata non fa na piega, al terzo "sono le regole, prendete quello che vi serve”, je parto de capoccia :
"Regole ’npar de palle ! Alle assistenze je dovete da a precedenza e ‘nvece ce state a caricà come du sacchi de patate !". Er genio incompreso move le labbra ma l'audio nun arriva, farfuglia, poi fa : "Signori non ho soluzione, l'aereo è strapieno non c'è fisicamente posto". Orecchie basse tipo Willy er coyote quanno casca giù nel canyon.
Guardo a Sora Lella, pollice su, lasciamo perde? ma ariva il Re dei Geni, lo steward e gioca er jolly : "Scusi ma che problema c'è se vi imbarchiamo il bagaglio ?". Me lo so guardato : “Che problema c’è. No infatti nun c'è nessun problema. Se dovesse capità che me piscio sotto, e capita co sta cazzo de malattia, allora te chiamo e tu fai atterà sto cazzo de aereo alla stazione de servizio de San Nicola, me scenni, apri la stiva, cerchi er bagajo, prendo quello che me serve e me vado a cambià all’autogrill. Già che ce stò me compro le Chipster e pure er maialino che
sgrufola. Risalgo sull'aereo e ripartimo. Er maialino lo regalamo ar Capitano che lo mette sur cruscotto vicino a Padre Pio...

Aereo muto. Er Re dei Geni se gira e finarmente se mette a cercà dove mette ste du cazzo de borse.
Che Dio te furmini !
Avevamo vinto ma la Sora Lella voleva vede score er sangue. Ner silenzio più totale se ne esce : "Bravo. Che problema c'è. Cojone.".
Scatta la hola in tutto l’aereo.
Sipario.
(Realmente accaduto il 10/07/2017)


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa fare E.T.S. Centro Studi Disability and Transport System
Parkinson Acceptance Training